Paesi Abilitati

Croazia

Data di adesione al sistema ATA

01/11/1996

Campo di applicazione notificato

Convenzione ATA: Mostre e fiere; materiale professionale; campioni commerciali

Convenzione di Istanbul e tutti i suoi allegati con riserve sugli allegati A, B.3 (campioni commerciali), B.5 (materiale scientifico e culturale), C (mezzi di trasporto), D (animali) e E (merci importate in esonero parziale dei dazi)

Copertura territoriale

Territorio doganale croato

Altre applicazioni

I Carnet ATA sono accettati per il transito.

I Carnet ATA non sono accettati per il traffico postale.

I Carnet ATA non sono accettati per merce non accompagnata.

Lingue in cui devono essere compilati i Carnet

Croato e/o inglese e/o tedesco e/o francese e italiano

Carnet sostitutivo

Si, ai sensi dell'articolo 14, allegato A della Convenzione di Istanbul

Tassa di regolarizzazione richiesta dalla dogana

No

Uffici doganali

Tutti gli uffici doganali durante il normale orario di lavoro

Osservazioni speciali

Uso del Carnet ATA lungo il corridoio di Neum in Bosnia-Erzegovina

Il territorio di Neum o "Neum Corridor" è una parte del territorio della Bosnia ed Erzegovina con accesso alla costa adriatica. Divide il territorio terrestre della Croazia in due parti, separando così l'area che circonda la città di Dubrovnik dal territorio continentale del paese.

L'uso del Carnet ATA non è consentito in questo corridoio ma in virtù dell'accordo tra la Bosnia Erzegovina e l'Unione Europea, il transito di merci dalla Bosnia Erzegovina alla Croazia attraverso il Corridoio di Neum deve essere effettuato con un documento T2L . Inoltre, se il valore delle merci trasportate supera i 15.000 euro, il titolare del Carnet dovrà avvalersi dei servizi di uno spedizioniere per redigere la dichiarazione doganale delle merci.

Il documento T2L è gratuito. Tuttavia, lo spedizioniere addebiterà un determinato importo (proporzionato al valore della merce) per l'emissione della dichiarazione doganale e del "MRN" (Movement Reference Number), un documento elettronico rilasciato dallo spedizioniere alla dogana del Corridoio di Neum.

Attualmente non esiste una società di spedizioni ai confini di Neum. Il titolare del Carnet, o il suo rappresentante, dovrà contattarne una a Zagabria, Rijeka, Spalato o Ploče, a seconda della strada intrapresa per raggiungere la Croazia (via Bregana, Macelj, Rupa o in traghetto).

Inoltre, lo spedizioniere richiederà al titolare del Carnet alcuni documenti per redigere la dichiarazione doganale quali la bolla di consegna, la fattura, la packing list o qualsiasi altro tipo di attestazione che provi sia lo stato unionale della merce sia la proprietà. Questo documento dovrà essere timbrato e firmato dal titolare del Carnet ATA.

La dichiarazione doganale, come il Carnet ATA, deve contenere anche la descrizione della merce con il valore di ogni articolo, l'importo, il peso ecc.

Una soluzione alternativa al documento T2L e alla dichiarazione doganale sarebbe quella di prendere il traghetto da Ploče a Trpanj (penisola di Peljesac). Il programma di navigazione e i prezzi sono disponibili al seguente link: http://www.jadrolinija.hr/en/prices/local-lines