Stampa

India - Scambi con l`estero

 

 
La nuova Foreign Trade Policy 2015-2020 (FTP) composta di un documento di visione e uno tecnico, è volta a rendere il Paese un player sempre più rilevante nel commercio globale di beni e servizi e ad aumentarne la quota mondiale di esportazioni dal 2% al 3,5% entro il 2020 per un valore di 900 miliardi di dollari.
 
L'Europa, nel commercio estero dell'India, pesa per quasi il 19%, con la Svizzera che alimenta oltre il 5% delle importazioni. Il continente americano contribuisce per circa il 12% delle importazioni indiane e tra i maggiori partner si collocano gli Stati Uniti con una quota del 5% sul totale. L'Africa alimenta le importazioni indiane con quasi il 9% e il principale partner è la Nigeria con il 3%. 
Le esportazioni indiane si dirigono principalmente verso l'Asia (49,5%) e in particolare il Golfo Persico (18%) le NIES (9%), gli ASEAN (7%), l'Unione Europea (17%).
I principali partner commerciali dell'India sono quindi la Cina, con una quota sull'interscambio indiano di quasi l'11%, gli USA con oltre il 9%, gli Emirati Arabi con l'8% e l'Arabia Saudita con il 4%. Il primo partner commerciale europeo è la Svizzera con il 3,4%. Negli ultimi 5 anni il peso della Cina in qualità di fornitore è cresciuto notevolmente, passando dal 12% del 2010 a quasi il 16% del 2015 del totale importato.
Tra i maggiori clienti, è aumentata la quota degli USA (dall'11% al 15%), mentre è diminuita quella della Cina (passando dall'8% nel 2010 al 4% nel 2015).
L'Italia, 27esimo partner commerciale dell'India nell'anno fiscale 2014-15, si colloca al 26esimo posto dal lato delle importazioni dall'India (passando dall'1,2% del 2010 all'1,1% nel 2015) e al 18esimo sul versante delle esportazioni indiane (con una quota passata dall'1,9% all,1,6%).
 

PRINCIPALI ACCORDI COMMERCIALI
  • 1976: ASIA PACIFIC TRADE AGREEMENT (APTA) - Accordo multilaterale di libero scambio.
  • 1989: GLOBAL SYSTEM OF TRADE PREFERENCES AMONG DEVELOPING COUNTRIES (GSTP) - Accordo multilaterale di promozione e mutuo sostegno al commercio e sviluppo della cooperazione economica tra i paesi in via di sviluppo.
  • 1995: SOUTH ASIAN PREFERENTIAL TRADE ARRANGEMENT (SAPTA).
  • 2002: ASIA PACIFIC TRADE AGREEMENT (APTA) - ACCESSION CHINA - Accordo commerciale multilaterale
  • 2003: INDIA – AFGHANISTAN - Accordo bilaterale, "Preferencial Trade Agreement"
  • 2005: INDIA – SINGAPORE - Accordo bilaterale di libero scambio e integrazione economica.
  • 2006: SOUTH ASIAN FREE TRADE AGREEMENT (SAFTA) - Accordo multilaterale di libero scambio.
  • 2006: INDIA – BHUTAN - Accordo bilaterale di libero scambio.
  • 2007: CILE – INDIA - Accordo commerciale bilaterale.
  • 2009: MERCOSUR – INDIA - Accordo commerciale.
  • 2009: INDIA – NEPAL - Accordo commerciale bilaterale.
  • 2010: COREA – INDIA - Accordo bilaterale di libero scambio e integrazione economica.
  • 2010: ASEAN – INDIA - Accordo di libero scambio.
  • 2011: INDIA - SRI LANKA - Accordo bilaterale di libero scambio.
  • 2011: INDIA- GIAPPONE - Accordo bilaterale di libero scambio e integrazione economica.
  • 2011: INDIA – MALESIA - Accordo Bilaterale di libero scambio e integrazione economica.

India - Interscambio con l'Italia

 

In ambito Unione Europea, per l'intero anno fiscale 2014-15, l'Italia risulta il quinto tra i paesi UE, dopo Germania (sesta in assoluto), Belgio (tredicesimo in assoluto, esportando prevalentemente preziosi), Regno Unito (18esimo in assoluto), Francia (25esima in assoluto). Il primo semestre dell'anno fiscale 2015-2016 fa registrare per l'Italia la 23esima posizione assoluta e la quarta tra i partner UE dell'India, con la Francia al quinto posto.
Prescindendo dalle modalità di rilevazione di calcolo delle autorità indiane (anno fiscale aprile-marzo) ed elaborando i dati in termini di anno solare, l'interscambio commerciale italo-indiano nell'intero anno 2015 è stato pari a poco più di 7,3 miliardi di Euro (+ 2,2% sul 2014) - il secondo importo più rilevante dopo il 2011 con 8,5 miliardi di euro - con un export italiano in valore (nel 2015) per 3,3 miliardi (+10,4%) e importazioni dall'India per 4 miliardi (-3,8%), facendo totalizzare un saldo negativo per l'Italia pari a 644 Mln di Euro (superava il miliardo nel 2014).
 
Nei primi sei mesi del 2016, l'interscambio italo-indiano ha raggiunto quota di poco superiore a 3,7 miliardi Euro (-0,1% rispetto allo stesso periodo del primo semestre 2015), con esportazioni italiane in valore per circa 1,5 miliardi di Euro (ne consegue una flessione del 6% delle nostre vendite rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso) e importazioni dall'India pari a circa 2,2 miliardi miliardi (in aumento del 4,4%). Il saldo è negativo per l'Italia per 686 milioni di Euro (in aumento di quasi il 38% rispetto al primo semestre dell'anno scorso).
La quota degli scambi con l’India sul totale complessivo italiano è passata dallo 0,6% del 2004 all’1,1% del 2011, per poi scendere allo 0,9% nel 2015.
Con un interscambio di oltre 7,5 miliardi di euro nel 2016, l’Italia rappresenta il quinto partner commerciale dell’India tra i paesi UE.
(fonte ICE New Delhi).

Interscambio commerciale in valore Italia-India (Valori in Euro)
 
Interscambio ITALIA – INDIA 2014 2015 2016
Esportazioni 3.036.837.149 3.348.770.855 3.278.010.878
Importazioni 4.172.379.068 3.999.256.214 4.238.887.130

-1.135.541.919 -650.485.359 -960.876.252
Fonte dati ISTAT: Interscambio commerciale in valore Italia-India per Categorie 'Ateco 2007'
Gennaio-Dicembre 2016 (ultimo aggiornamento 30 marzo 2017) 
 
Primi 10 prodotti esportati in Italia
Categorie 2014 2015 2016
Altre macchine per impieghi speciali n.c.a (incluse parti e accessori) 96.293.856 128.928.762 169.805.538
Macchine tessili, macchine e impianti per il trattamento ausiliario dei tessili, macchine per cucire e per maglieria (incluse parti e accessori) 122.186.235 137.843.813 131.203.570
Altri prodotti chimici di base organici 111.727.564 144.981.341 129.500.071
Altre parti ed accessori per autoveicoli 136.938.657 133.679.885 117.324.150
Macchine automatiche per la dosatura, la confezione e per l'imballaggio (incluse parti e accessori) 69.002.538 90.881.414 105.532.521
Carta e cartone 98.312.568 94.499.380 99.825.215
Altre pompe e compressori 67.376.692 79.924.040 84.783.347
Macchine utensili per la formatura dei metalli (incluse parti e accessori ed escluse le parti intercambiabili) 95.628.213 87.016.615 81.235.354
Prodotti farmaceutici di base 60.435.997 74.816.432 74.531.577
Macchine di impiego generale e altro materiale meccanico n.c.a 59.678.528 54.226.480 73.587.143
Contatori di elettricità, gas, acqua ed altri liquidi, bilance analitiche di precisione, apparecchi di misura e regolazione (incluse parti staccate ed accessori) 60.906.987 57.207.752 70.369.081
Totale 3.036.837.149 3.348.770.855 3.278.010.878
Fonte dati ISTAT: Interscambio commerciale in valore Italia-India per Categorie 'Ateco 2007'
Gennaio-Dicembre 2016 (ultimo aggiornamento 30 marzo 2017)

Primi 10 prodotti importati in Italia
Categorie 2014 2015 2016
Ferro, ghisa, acciaio e ferroleghe 438.132.298 410.220.437 400.788.354
Prodotti della raffinazione del petrolio 476.205.752 153.926.872 348.717.362
Altri prodotti chimici di base organici 243.195.361 250.064.229 235.809.857
Camicie, T-shirt, corsetteria e altra biancheria intima 169.355.769 180.701.274 183.129.399
Materie plastiche in forme primarie 92.055.172 107.246.307 151.685.812
Piante per la produzione di bevande 132.644.483 152.368.331 144.684.750
Pesce, crostacei e molluschi lavorati e conservati mediante surgelamento, salatura ecc. 112.876.864 127.723.132 138.522.865
Calzature 137.831.786 131.649.192 134.803.605
Prodotti farmaceutici di base 63.502.496 73.493.986 129.008.855
Cuoio e pelle conciati e preparati; pellicce tinte e preparate 136.299.396 133.496.322 109.379.817
Pietre preziose e semipreziose per gioielleria e per uso industriale 105.425.344 94.231.649 102.655.179
Totale 4.172.379.068 3.999.256.214 4.238.887.130
Fonte dati ISTAT: Interscambio commerciale in valore Italia-India per Categorie 'Ateco 2007'
Gennaio-Dicembre 2016 (ultimo aggiornamento 30 marzo 2017)